Paola Scuola Superiore Reggio Emilia

Paola Legnini

Docente di Matematica

La natura abruzzese in cui sono nata nel ’91 ha fin da piccola fatto sorgere in me delle domande: perché le api costruiscono le celle dei loro favi in forma esagonale? Perché i fiocchi di neve hanno quella strana forma? E perché in montagna fa più freddo anche se ci si avvicina al Sole?

Curiosando nella terra e nei sassi, osservando la sabbia e le onde del mare e facendo piccoli esperimenti (a discapito della vita di insetti indifesi), ho capito che c’è un ordine nascosto in ogni fenomeno della natura e ho deciso di indagare più a fondo, sempre più a fondo fino a che ho deciso di iniziare i miei studi in Matematica presso l’Università di Roma La Sapienza.

In questo modo ho avuto la possibilità di rispondere ai miei quesiti e di pormi nuove domande, le cui risposte erano sempre più complesse. Ho avuto anche l’occasione di passare un periodo in Francia a Lille, in Erasmus, dove ho avuto la certezza che, nonostante la lingua e la cultura differente, il linguaggio della matematica è lo stesso.

La matematica per me è una forma di comunicazione che non permette ambiguità ed equivoci. E’ un modo per capire il mondo e per rimanere stupiti di fronte ad esso, una volta compresi i meccanismi.

Per questo penso che insegnare sia il modo migliore per far nascere dei quesiti e dei dubbi, trasmettere la curiosità per ciò che ci circonda e donare poi agli alunni i mezzi per rispondere da soli con spirito critico e coerenza. Allo stesso tempo mi piace la genuinità dei ragazzi, il loro mettere in discussione qualsiasi cosa e il ricordarci che bisogna sempre andare oltre le apparenze.

Io vedo i ragazzi come le intuizioni, le prime ricerche, le idee iniziali di uno scienziato, in cui soltanto avendo fiducia e investendo su di loro si potranno avere nuove scoperte, così come nel caso dei ragazzi si potrà tirar fuori la loro parte migliore da donare al mondo.

Other Members

Call Now Button